Info »
Risorse »

 

Argomento: Imposte dirette
Oggetto: Riporto perdite ditte individuali e società di persone
Provvedimento: Circolare 8/E/2019 par. 2.13 del 10/04/2019
Fonte: Sole 24 ore del 11/04/2019 pag. 23

 

Le perdite di impresa maturate prima dell’entrata in vigore della legge 145/2018 (comma 23) sono riportabili illimitatamente (e non più per un massimo di 5 anni) e possono essere utilizzate in diminuzione dei redditi di impresa degli anni successivi senza vincoli di tempo ma sempre nei limiti dell’80% dei successivi redditi di impresa, come avviene per i soggetti IRES.

Per i soggetti in contabilità semplificata per cassa (art. 66 TUIR), le perdite maturate nel 2017 sono utilizzabili:
- nel 2018 e nel 2019 fino al 40% del reddito di impresa di tali anni
- nel 2020 fino al 60% del reddito di impresa dell’anno.
Successivamente a tale triennio, si applicano le regole ordinarie dell’80% senza limiti temporali

Per i soggetti nel regime dei minimi continua ad applicarsi il riporto al massimo quinquennale ma con possibilità di utilizzo integrale.

Mancano ancora i chiarimenti in caso di cessazione dell’attività, ma si ritiene che nell’ultimo periodo di imposta le perdite siano utilizzabili integralmente in quanto la normativa fiscale non è tesa a proibirne l’uso ma solo a diluirne l’effetto nel tempo

 

Data scheda: 14/04/2019

 


© 2003 - 2019 Studio Sclavi - le informazioni qui riportate sono libere elaborazioni ed interpretazioni delle fonti citate, si intendono solo per consultazione e, anche se si è fatto ogni sforzo per mantere l'archivio aggiornato, non si assume alcun impegno riguardo alle stesse. E' sempre opportuna la verifica della fonte e del provvedimento citati.

Valid HTML 4.01!Valid CSS!

Questa pagina è stata vista 54 volte

© 2000 - 2019 Riccardo Sclavi & Studio Sclavi - p.IVA 11411650150